Via Nembrini e Via Gritti

Siete ad Almendralejo, naturalmente, e due strade della città spagnola sono intitolate ai pittori bergamaschi Emilio Nembrini e Giovanni Gritti. Situate in un quartiere residenziale centrale, attestano il bisogno della comunità locale di riconoscere con un segno tangibile due speciali personalità.

vie nembrini e gritti

Ma chi erano Nembrini e Gritti? La risposta va ricercata nell'articolo seguente, tratto da L'Eco di Bergamo del 9 maggio 2005, firmato da G.Francinetti.

"Le opere dei due pittori bergamaschi, Emilio Nembrini e Giovanni Gritti sono state collocate in un museo inaugurato nei giorni scorsi a Alméndralejo, città dell’Extremadura spagnola, alla presenza dei familiari degli artisti. Si è trattato di un ulteriore segno dell’affetto e dell’apprezzamento della comunità spagnola ai due bergamaschi che nel corso degli anni hanno lasciato un segno con le loro opere ispirate soprattutto a soggetti e momenti religiosi. Un gruppo di familiari dei pittori bergamaschi Emilio Nembrini e Giovanni Gritti, ricevuti dal sindaco della cittadina spagnola di Alméndralejo, in occasione dell’inaugurazione del Museo Diocesano di Nostra Signora della Pietad.

Nei primi anni del dopoguerra Emilio Nembrini e Giovanni Gritti, furono chiamati ad affrescare la chiesa parrocchiale di Alméndralejo, città dell’Extremadura spagnola, ai confini col Portogallo. Nei quattro anni di lavoro, i due pittori stabilirono una serie di rapporti affettuosi con la cittadinanza e regalarono alla comunità una imponente opera ad affresco che, ben presto, fu conosciuta nel circondario come la «piccola Cappella Sistina dell’Extremadura», ancor oggi meta di visite culturali e di pellegrinaggi.

Dieci anni fa Nembrini e Gritti, ancora in vita, furono invitati dalle autorità spagnole a ritornare sui luoghi della loro fatica per ricevere una serie di attestazioni, tra cui la cittadinanza onoraria e addirittura la intitolazione di due vie della città al loro nome.

Nei giorni scorsi, ancora un invito. Questa volta rivolto alle vedove dei due pittori e ai parenti, chiamati ad assistere all’inaugurazione ufficiale del Museo Devozionale nel Santuario di Nostra Signora de la Pietad, alla presenza delle autorità civili e del Vescovo di quella Diocesi. Qui si conservano ben 52 opere di Emilio Nembrini e 20 lavori di Giovanni Gritti, dipinti donati dai collezionisti spagnoli e frutto di successivi invii da parte dei pittori stessi.

La delegazione italiana era composta da una folta rappresentanza dei nipoti di Emilio Nembrini insieme alla vedova del pittore Franca Calegari. In rappresentanza di Giovanni Gritti, la vedova Natalina Baronchelli e i figli del pittore. Oltre alla visita nei luoghi artistici, il gruppo degli italiani è stato ricevuto dalle autorità cittadine con la tradizionale cortesia spagnola e 1° alcalde di Almendralejo ha sottolineato il profondo legame che unisce i suoi concittadini con il ricordo dei due pittori.

Il direttore del Museo Diocesano, don Tobias Medina Cledon, ha sottolineato la valenza artistica delle opere pittoriche, già oggetto di una recente pubblicazione in catalogo."

a.c.

Riferimenti: L'Eco di Bergano on-line

Ultima modifica:

07/11/2017

Condividi

Comune di Ceprano - C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR) - PEC comune.ceprano@pec.leonet.it - Centralino: 0775 91741 - P. IVA 00613310606

Il Portale Istituzionale del Comune di Ceprano è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.  con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework