Il Quartiere e il Parco las Mercedes

lasM1
Tutto ha inizio il giorno della Madonna della Misericordia (Nuestra Senora de las Mercedes) del 1911, e poi ha preso il nome di Fiera della Misericordia, un nome che si applicò poi alla nuova fontana, il Pilar (un'iscrizione ricorda ancora della sua apertura il 24 settembre, 1912), alla strada, quindi al quartiere; la zona era buona, offrendo abbondante acqua e pascoli per i capi di bestiame, che venivano valutati con importanti premi ai migliori esemplari, alcuni donati da personalità di prestigio; persino, il re Alfonso XIII ne offrì uno nel 1913.

lasM3


La Fiera ha avuto il suo massimo splendore nei primi tre anni, con il sindaco José Gutiérrez Silva, Conte di Osilo, per la sua forte personalità e influenze, e nell'euforia economica della prima guerra mondiale. Buone le corride nella Plaza rinnovata nel 1912, luogo scelto anche per concerti della Banda Municipale di Madrid, per grandi feste e parate nelle prime edizioni della Fiera.
Dopo la guerra, arrivò una forte crisi economica e sociale (scomparsa delle aziende, crollo dei prezzi, l'aumento della disoccupazione) che, insieme con l'emergere di nuove forze politiche che criticavano fortemente la Fiera come "capricciosa" spesa, decretarono la sua scomparsa: l'ultima che è stata celebrata fu quella del 1919.


Le attività connesse alla Fiera avevano intanto aumentato il numero di edifici della zona e quindi fu necessario dare un nome alle strade, iniziando da quella di nuova costruzione situata di fronte alla Fontana de Nuestra Señora de las Mercedes con il nome di 'Las Mercedes'. Interessante notare nello sviluppo della città, e quindi nella toponomastica dal 1925 al 1983, come i nomi di molte nuove strade siano passati da quelli di militari a quelli di noti artisti spagnoli, come Velasquez, Goya, Garcia Lorca, El Greco, Dalì, Miro’, Murillo, Picasso ed altri meno noti agli italiani ma ugualmente importanti. Nasceva così il quartiere dei pittori, tra i quali ricordiamo i nostri Nembrini e Gritti, di cui abbiamo riferito in un recente articolo.

lasM2


Alla fine degli anni Sessanta e all'inizio degli anni Settanta, il processo per la costruzione del Parco di Las Mercedes è iniziato, con l'acquisizione di terreni nella zona. Nel 1984, il giorno della Festa di Nostra Signora della Misericordia, i cittadini della località trovano un canale per partecipare ai miglioramenti nella loro zona, dando vita all’Associazione degli Abitanti del Quartiere.


Racconta Alfonso Benito Fernandez in un post del 2015 su Agora Historia, intitolato “Homo Almendralejensis”, che nel Parco de las Mercedes c’è un giacimento del Paleolitico Medio, riferibile all’uomo di Neanderthal. Non siamo riusciti a trovare altre fonti, per cui ci fermiamo qui, in attesa di ulteriori notizie.


Negli anni novanta furono portati a termine i lavori del Parco de Las Mercedes, polmone verde a sud della città, di forma triangolare per una superficie di circa 90.000 metri quadrati, con accesso principale da "Avenida de Goya", i cui altri due lati sono stati rinominati rispettivamente strada "Gran Maestre " e strada "El Parque".
Nel 2013 il Parco del las Mercedes è stato ammodernato, nell’ambito di un programma finanziato dalla Regione Extremadura, che ha interessato anche altri parchi di città, con la costruzione di un chiosco-bar, uno spazio per i cani con un percorso di “agilità”, il primo nella Regione, un circuito di multiavventure ed uno di skate; è stato installato un parco giochi per ragazzi ed alcuni elementi per ginnastica biosalutare per le persone che vogliono fare esercizi in zona.
Infine, è notizia di questi giorni di settembre 2017, il Sindaco ha comunicato ai cittadini il termine dei lavori di recupero di uno spazio emblematico nell’interno del Parco, la Fontana della Roccia.

lasM4

lasM5

lasM6

lasM7

 

lasM8

lasM9

 

a.c.


Riferimenti:
-Las Mercedes. Historia de una barriada almendralejense, Francisco Zarandieta Arenas

Ultima modifica:

28/09/2017

Condividi

Comune di Ceprano - C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR) - PEC comune.ceprano@pec.leonet.it - Centralino: 0775 91741 - P. IVA 00613310606

Il Portale Istituzionale del Comune di Ceprano è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.  con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework