La Stazione Enologica
ufficio statale locale di Almendralejo

 

(parte 2 - 07/08/2019)

Un premio per la Stazione Enologica di Almendralejo

di Gloria Casares
da HOY.ES

stazione Eno 2


La stazione enologica di Almendralejo è uno degli edifici più imponenti che si vedevano entrando in città, da quella che un tempo era l'unica entrata principale, la strada N-630.
È legata all'industria vinicola, che è ancora uno dei settori economici più forti della città. Un'istituzione centenaria che è stata in grado di adattarsi ai nuovi tempi e mantenere intatta la sua importanza come centro specializzato in enologia al servizio di viticoltori e agricoltori di tutta la Tierra de Barros, grazie a Emiliano Zamora, direttore dal 1984.

Per valorizzare le sue funzioni e "fare sistema", la stazione è stata nominata "bodeguera de honor" dei festeggiamenti de La Piedad e della Fiera della Vendemmia di Almendralejo.
La stazione enologica è una delle istituzioni che gran parte degli almendralejensi sente come propria per tutta la vita. Non sorprende che l'edificio, che mantiene lo stile architettonico dei primi del Novecento, fu costruito nel 1915 su un terreno ceduto dalla Comunità dei Lavoratori Agricoli. Inoltre, per diventare realtà, la Cassa Rurale di Almendralejo, oggi Cajalmendralejo, ha contribuito con 50.000 pesetas all'avvio dei lavori.

stazione Eno 3

Tale importo non era altro che un quarto dell'importo totale dell'investimento, 205.955 pesetas, che fu eseguito quando era sindaco Pedro Montero de Espinosa.
Ma la mancanza di budget del governo centrale per rendere questo edificio una realtà fece ritardare l’inizio, e così la Guerra Civile scoppiò prima che i lavori fossero finiti, e per questo la Stazione Enologica non iniziò a funzionare prima del 1958.
Durante la Guerra Civile l’edificio fu occupato dai militari e quando finì rimase come deposito di munizioni dipendenti dal’Ufficio dell'Artiglieria di Madrid.
L'occupazione terminò nel 1949 e passò di nuovo al Ministero dell'Agricoltura, anche se a quel punto l'interno dell'edificio era completamente distrutto.
Ci sono voluti investimenti per quasi un milione e mezzo di pesetas per ricostruirla e adattarla agli scopi per cui era stata creata, costruendo i laboratori, la biblioteca, una cantina, il museo e persino un osservatorio meteorologico.
A partire dal maggio 1960, la stazione enologica iniziò a essere diretta da Pedro Vidal-Aragón, un ingegnere agronomo, che avviò il corso moderno nel settore vitivinicolo dell'Estremadura.
Venticinque anni dopo la sua inaugurazione, nel 1983, passò alla Giunta Regionale di Estremadura, che si impegnò fermamente nel centro.
Emiliano Zamora, che gestisce questo centro specializzato da trent'anni, è stato assunto nel 1984 e da allora la trasformazione è stata molto importante, con la creazione di una cantina sperimentale.

Nella seconda comunità autonoma con la più vasta area di vigneti in Spagna, la Stazione Enologica continua a svolgere un ruolo fondamentale nella viticoltura, con la ricerca di nuove varietà, ed in enologia, con l'introduzione di nuovi processi per la produzione e la ricerca di nuovi vini che si avvicinano al gusto del consumatore.
Inoltre, contribuisce al controllo di qualità dei vini e collabora alla lotta contro la frode e l'uso di prodotti non consentiti nel vino. Rilascia inoltre i certificati necessari per esportare il vino dell'Estremadura nell'Unione europea e in paesi terzi. Tutto ciò si completa con il lavoro didattico, pedagogico e divulgativo.
Con numerosi riconoscimenti nazionali al suo attivo e una ventina di lavoratori nella sua squadra, la Stazione Enologica e tutto il suo staff hanno ricevuto le congratulazioni per questo nuovo riconoscimento da parte del Direttore Generale dell'Agricoltura della Giunta di Estremadura, Antonio Cabezas, che è andato ad Almendralejo per annunciare la notizia di questo appuntamento, che resta fissato per il prossimo 14 agosto.

La stazione enologica Almendralejo ospita la Denominazione di Origine Ribera del Guadiana.
L'edificio ospita anche uffici amministrativi per l'assistenza ai cittadini della Giunta di Estremadura e la sede del Consiglio di regolamentazione della Denominazione di Origine Ribera del Guadiana.
Dalla sua creazione, questa DO, che serve dozzine di cantine nelle sei sotto-aree dell'Estremadura, si trova all'ultimo piano dell'edificio, dove si riunisce il consiglio e lavorano i tecnici della denominazione.
Inoltre, nel 2017 è stato creato il laboratorio Vincal, il primo in Spagna ad avere l'accreditamento per l'analisi sensoriale di vini spumanti e cavas, accreditato dall'Ente di Accreditamento Nazionale (Enac), secondo gli standard ISO.

 

 

(parte 1 - 12/01/2018)

Le stazioni enologiche sono state create in Spagna tra la fine del diciannovesimo e l'inizio del ventesimo secolo, per aiutare un settore in crisi. Le sue funzioni erano di insegnare ai vignaioli a prevenire e combattere le malattie della vite, a studiare le varietà autoctone e a realizzare progetti di adattamento di ceppi provenienti dall'esterno. I loro laboratori sono stati utilizzati anche per l'analisi della qualità dei vini delle cantine e dei singoli della provincia, nonché per il supporto ai tecnici delle cantine menzionate.

Il decreto reale del 15 gennaio 1892 pose le basi per la creazione della Stazione Enologica Centrale nell'Istituto Agricolo di Alfonso XII e di tutti quelli considerati necessari dal governo per le più importanti regioni viticole del paese. Prima di questo atto governativo, nello stesso anno, era stato richiesta dalle autorità locali la costruzione di una Stazione Enotecnica in Almendralejo.
Nonostante la velocità con cui è stata richiesta tale concessione, solo nel 1914 è arrivata l’autorizzazione per la creazione della stazione, e nel 1915 iniziarono i lavori.
La realizzazione dell'edificio ebbe molte battute d'arresto, tanto che nel 1934 i lavori erano in totale stato di abbandono; durante la guerra civile l’edificio fu occupato dai militari, funzionando come deposito di munizioni fino al 1949.
Nel 1946, un progetto di ricostruzione fu realizzato dal successivo direttore della Stazione, Manuel Losada Lazo. I lavori furono eseguiti tra il 1949 e il 1958, anno in cui fu inaugurato il centro.
L’edificio presenta forti influenze dell'architettura regionale sivigliana in stile neo-barocco, mescolate con dettagli dell'influenza barocca con elementi di chiara tradizione andalusa, sottolineata al suo interno dalle piastrelle con motivi legati alla viticoltura, provenienti dai laboratori di Ceramica Santa Ana de Triana.

stazione enologica

Un grande cambiamento verificò nel 1983, quando il Ministero dell'Agricoltura decise di trasferire tutti i materiali e il personale al governo dell'Estremadura; da allora, la stazione è specializzata nell'enologia.
Allo stato attuale, la sua funzione essenziale si basa sull'analisi della qualità dei vini e sull'emissione di documentazione, come certificati di esportazione per i vini dell'Estremadura per la vendita in altri paesi.
La stazione enologica Almendralejo ha anche l'accreditamento di UNE-ISO / IEC 17025: 2005 nella gamma pubblicata nel ENAC per l'analisi chimico-fisica.
L'accreditamento secondo lo standard UNE-ISO / IEC 17025: 2005 conferma la competenza tecnica dei laboratori e garantisce l'affidabilità e il rigore nei risultati dei test. Pertanto, si ottiene uno strumento che facilita lo sviluppo di mercati sicuri e servizi affidabili, allo stesso tempo contribuisce a rafforzare la protezione dei consumatori.

a.c.

Riferimenti:
Atti: JORNADAS DE ALMENDRALEJO Y TIERRA DE BARROS
(14-16 noviembre-2014)
Asociación Histórica de Almendralejo
ARQUITECTURAS Y TRANSFORMACIONES URBANAS EN ALMENDRALEJO
(1850-1950)

Ultima modifica:

07/08/2019

Condividi

Comune di Ceprano - C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR) - PEC comune.ceprano@pec.leonet.it - Centralino: 0775 91741 - P. IVA 00613310606

Il Portale Istituzionale del Comune di Ceprano è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.  con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework