Logo

 

27 ottobre 2018, il terzo giorno

 

In Plaza de la Libertad è il giorno del rinnovo del Patto di Gemellaggio. I due massimi rappresentanti delle comunità di Almendralejo e Ceprano, davanti ai rispettivi assessori ed ai consiglieri comunali, alla presenza di amici spagnoli simbolicamente mescolati con la delegazione di cittadini di Ceprano; i due sindaci hanno firmato i documenti che impegnano le due comunità a rinforzare i legami esistenti, a proseguire nella strada della fratellanza e della solidarietà, a creare le migliori condizioni per attivare ulteriori scambi culturali e per favorire quelli  economici.

La banda comunale di Almendralejo ha suonato gli inni nazionali d'Italia e di Spagna, e, come a confermare il significato della cerimonia, tra i musicisti spagnoli si udivano le note della tromba del nostro maestro Ferruccio Gelli.

 

La mattinata è trascorsa visitando la Chiesa di Nostra Signora della Purificazione, un edificio rilevante nel percorso turistico della città, costruito tra il 1522 ed il 1539. Per chi volesse approfondirne storia, caratteristiche ed opere artistiche presenti ( tra cui due splendidi affreschi di Ottavio Bernardi e Giovanni Gritti), alcune notizie sono riportate in questo sito, alla voce "Conosci Almendralejo"; interessante è stata la visita alla torre campanaria, da dove si ammira tutta la bianca città e il percorso nel sottotetto della chiesa, dove con nostra grande sorpresa, vive una importante colonia di falco grillaio protetta da precisi atti, unica  zona di protezione faunistica del genere  in Europa.

La visita al Teatro Carolina Coronado (vedi "Conosci Almendralejo") e all'interessante Circolo de El Obrero Extremeno, ha concluso il percorso turistico della mattinata.

Dopo la degustazione dei prodotti tipici della Tierra de Barros e di Ceprano, al termine della firma del Patto, la delegazione di Ceprano è stata accompagnata nella vicina Mérida, antica città romana, dove ha potuto ammirare lo splendido Teatro Romano, ben conservato e utilizzato ancora oggi per eventi culturali, e l'Anfiteatro dove, come consuetudine, si svolgevano combattimenti di ogni genere.

Su questa parte della giornata avremo modo di tornare con un approfondimento più meditato e con un preciso report fotografico.

 

a.c.

Ultima modifica:

30/10/2018

Condividi

Comune di Ceprano - C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR) - PEC comune.ceprano@pec.leonet.it - Centralino: 0775 91741 - P. IVA 00613310606

Il Portale Istituzionale del Comune di Ceprano è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.  con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework