Tre opere dello scultore Juan de Avalos Garcia-Taborda

Proseguiamo la visita alla Parrocchia di Nostra Signora della Purificazione, ma questa volta siamo all’esterno. La vista della Chiesa che prospetta su Piazza di Spagna offre una splendida immagine della facciata con l’abside ed i suoi contrafforti sormontati da guglie di granito. Su di essa una statua del Cristo in bronzo, con le braccia distese, invita ad avvicinarsi.

Pace

 

Gli occhi si fissano sul bellissimo bronzo, i cui tre metri di altezza sembrano rimpicciolirsi a causa della grandezza della tela di bronzo sul muro di pietre che funge da sostegno. Il Cristo Risuscitato con le braccia tese sembra ascendere al cielo, circondato dalle ginocchia alla testa da un'aureola ovale formata dalla stessa tela che fungeva da sudario nella sepoltura.

Il suo volto, dai lineamenti virili fortemente marcati, invita alla serenità e alla riconciliazione. Ecco perché qui lo chiamano il "Cristo della Pace".

paz2

 

L’immagine fu collocata qui il 30 agosto del 1965, giorno in cui si celebra il tricentenario di Almendralejo Città indipendente. Fu benedetta dal Canonico di Badajoz Don Enrique Trivino Forte, figlio prediletto di questa Città.

L’autore dell’opera è Juan de Avalos Garcia-Taborda, emerito scultore nato ne 1911 e molto legato alla città di Almendralejo, perché qui vivono molti suoi parenti.

Avalos è una delle figure più rilevanti della scultura estremegna del XX secolo. Nell’adolescenza si trasferisce a Madrid, dove nella Scuola Superiore di Belle Arti di San Ferdinando studia modellazione, disegno e incisione. Ottiene premi e medaglie in diverse esposizioni nazionali ed internazionali. Nel 1940 si aggiudica l’esecuzione della Pietà del grande portale della Basilica del Valle de los Caidos e della monumentale Croce, con i quattro Evangelisti alla sua base, opera molto conosciuta. Anche fuori della Spagna lo scultore Avalos eccelle per opere monumentali; nel continente americano abbiamo una importante presenza delle sue opere. 

Alla base della statua notiamo una iscrizione del 1985 che recita: “Per tutti quelli che persero la vita nelle guerre di Spagna”.

In Almendralejo ci sono altre sue opere: dentro la Parrocchia si può ammirare una grande Immagine  della Vergine del Carmen, mentre in Avenida de la Paz si trova il Monumento alla Costituzione, alla Libertà e alla Pace. Inaugurato nel 1990, si alza su un blocco granitico di 2 metri di altezza. È una figura femminile vestita di una lunga tunica e protesa in avanti, con i capelli e la veste mossi dal vento. Si può osservare che porta un libro in una mano, mentre nell’altra, alzata, un ramo di olivo sul quale è posata una colomba, simbolo di pace.

paz1

 

Altra opera all’aperto, in Plaza de Extremadura, è la statua femminile (Musa del Vino) con un grappolo di uva tra le mani, che simboleggia la vendemmia inaugurata nel 1994, di grande importanza per Almendralejo, “Città Internazionale dl Vino”. Altre sue opere sono presenti in Istituzioni e presso abitazioni private, che l’autore chiama “mimos”, riproduzioni di schemi e motivi paralleli delle sue opere monumentali in formato ridotto.

paz3

 

Aldo Cagnacci

 

Riferimenti:

-Tobías Medina Cledón, Resurgió de las Cenizas, Historia y Arte en la Parroquia de N.a S.a de la Purificatión de Almendralejo (1999), per gentile dono di Isabel García Vázquez dell'Ufficio del Turismo di Almendralejo.

-Scuola CEIP “Francisco Montero de Espinosa”, Imagina Almendralejo, Nuestra ciudad vista a través de sus monumentos (Proyecto “IMAGINAR PARA EMPRENDER), per gentile dono di Juan Luis Ortiz 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica:

07/12/2020

Condividi

Comune di Ceprano - C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR) - PEC comune.ceprano@pec.leonet.it - Centralino: 0775 91741 - P. IVA 00613310606

Il Portale Istituzionale del Comune di Ceprano è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.  con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework